Indicazioni per le Relazioni scritte

La relazione deve essere redatta in formato leggibile e modificabile dal/la tutor che leggerà.
————————————————————-
Nome del File Titolo del seminario
Esempio: Principio biocentrico e Inconscio vitale
————————————————————-
Intestazione 
TITOLO STAGE  
Docente: Nome Cognome  
Data dello stage  
Relazione di: Nome e Cognome dell’allievo /a
Scuola Biodanza Lombardia (oppure scuola in cui si è recuperato il seminario)

Esempio
Principio biocentrico e Inconscio vitale
Data 27-28 Novembre 2021
Relazione di: Maria Rossi
Scuola Biodanza Lombardia

————————————————————-
Indicazioni per il contenuto
Divulgativo – Occorre che le relazioni siano di tipo divulgativo e non accademico, indirizzate cioè ad allievi non della scuola di formazione, ma del corso settimanale. L’idea è di scrivere la relazione come se tu stessi scrivendo la presentazione a una sessione di Biodanza che ha lo stesso tema della relazione. Questo ti permetterà, quando di fatto condurrai, non solo di avere del materiale già pronto, ma anche di esserti già “allenato/a” su temi non facilissimi.   Pensa a ciò che cerca un/una partecipante a una serata di Biodanza … e scrivi per lui/lei. 
La lunghezza ottimale è di 2 pagine (considerando il carattere Arial12). Scegliere cosa dire e cosa no è più importante rispetto alla completezza. 
Fare esempi – È importante che la relazione porti qualche semplice esempio o storielle facilmente decodificabili. Gli esempi rendono più calda una presentazione e chi ascolta non ha l’impressione si stia parlando in astratto, ma sente che la cosa riguarda la sua vita.
Facilitare la lettura
Esempi:
– La divisione in paragrafi e l’utilizzo di caratteri differenti o colori. 
– Schemi, tabelle, immagini e/o disegni, che chiarifichino i concetti espressi. 

Non svalutare altre discipline. 
Non cercare troppo materiale. Semplicemente rielabora il materiale che già hai. Ulteriori approfondimenti teorici potrai farli più avanti.
————————————————————-
Buona scrittura 🤗

Torna su